Uncategorized

Monterusciello in balia di disservizi inaccettabili e ritardi della CTP

Autobus che partono fuori orario, corse che saltano e condizioni precarie dei mezzi. È quanto denuncia il movimento politico Pozzuoli ORA, rispetto alla condizione del trasporto pubblico locale che porta dal megaquartiere popolare di Monterusciello al centro storico di Pozzuoli.

«In un territorio vasto come il nostro – afferma il Consigliere Comunale Raffaele Postiglioneil ruolo del trasporto pubblico locale risulta ancor più importante. Soprattutto se si considerano le distanze tra i diversi quartieri della città e la necessità di prescindere dal trasporto privato. Le esigenza di spostarsi è comune per motivi diversi a tutte le fasce di età. Chi rappresenta una comunità deve assolutamente farsi carico di trovare risposte. Mi farò carico personalmente – conclude il Consigliere Postiglione – di coinvolgere in questa vicenda anche tutti i colleghi della commissione trasporti, per trovare insieme soluzioni e proporre un incontro collettivo ai vertici della CTP».

Sono centinaia, infatti, i pendolari che quotidianamente prendono le linee che collegano la periferia al centro, ma altrettanti sono anche i disagi

«Tra i tanti disagi e ritardi che ci sono – afferma Riccardo Volpe, segretario del movimento Pozzuoli ORAne stiamo denunciando uno assurdo da settimane: due pullman che dovrebbero partire con quindici minuti di distanza ma che partono uno a rimorchio dell’altro, eliminando di fatto una corsa e causando dei danni alle fasce più deboli della popolazione. Una cosa inaccettabile – prosegue Volpeed è per questo che abbiamo chiesto l’incontro con i vertici della CTP. In queste settimane raccoglieremo proposte e segnalazioni con un’assemblea pubblica e le porteremo sul tavolo dell’incontro. Monterusciello è una grande periferia, con una parte di popolazione che non può permettersi un’auto, non è accettabile che venga costretto ad aspettare ore ed ore sotto al sole cocente per un pullman che deve fare meno di dieci chilometri. Ne va del rispetto di tutto il quartiere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *